Navigazione veloce

Antonio Canova

antonio canovaIl nostro Istituto prende il nome da uno dei più importanti scultori del neoclassicismo.

Antonio Canova nacque a Possagno (TV) nel 1757 e morì a Venezia nel 1822. Formatosi presso lo studio di scalpellino del nonno, Canova proseguì gli studi di scultura a Venezia presso la scuola di nudo dell’Accademia, dove, lavorando sui calchi, ebbe modo di conoscere e di sviluppare un grande interesse per la scultura antica. Le prime opere che lo resero famoso a Venezia e nel Veneto furono Orfeo ed Euridice del 1776 e Dedalo e Icaro del 1779.

Nel 1779, Canova si trasferì a Roma dove lavorò per sovrani, principi, papi ed imperatori di tutto il mondo producendo le sue opere più belle, tra cui le Grazie, Amore e Psiche, i monumenti funebri dei Papi Clemente XIII e XIV e quello di Maria Cristina d’Austria. Scolpì, inoltre, le statue di numerosi soggetti mitologici, come Venere e Marte, Perseo vincitore della Medusa, Ettore e Aiace.

Quando i Francesi occuparono Roma, nel 1798, preferì ritornare a Possagno dove rimase per due anni dipingendo molte delle tele e quasi tutte le tempere che oggi sono custodite nella sua casa natale.

Tra i suoi committenti vi fu anche Napoleone, per il quale l’artista eseguì la famosa Paolina Borghese che incarna alla perfezione il concetto neoclassico di grazia e bellezza come valori ideali derivati dal perfetto equilibrio tra arte e natura.

Per approfondire: Museo Canova (Possagno, TV)


[nggallery id=2]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi